Punto d'ascolto e di consulenza psicologica per adolescenti, genitori ed educatori.
Il servizio Free Entry è uno spazio di consulenza gratuito, curato da uno psicologo, che si rivolge ai ragazzi dai 14 ai 21 anni, offrendo ascolto e sostegno alla crescita in adolescenza e alla relazione educativa.

 

 

 

Indirizzi e recapiti
Viale De Amicis, 59 - 41012 CARPI, vicino allo Spazio Giovani Mac’é!

per info e prenotazioni:
- martedì e venerdì dalle 16.00 alle 19.00 al numero 337 1467284

- mercoledì dalle 16.00 all 19.00 al numero 337 1498494

- via sms ai numeri sopra indicati

- via mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Orari
Il servizio è aperto martedì, mercoledì e venerdì, dalle ore 16.00 alle 19.00, solo su appuntamento.

 

 

 

Presentazione
Il servizio Free Entry del distretto dell’Unione delle Terre d’argine / Distretto AUSL N° 1 di Carpi è uno sportello psicologico che rientra nell’ambito della prevenzione primaria del disagio giovanile a “bassa soglia”, ossia gratuito e con accesso immediato per i possibili beneficiari che sono, principalmente, i giovani, indicativamente dai 14 ai 21 anni, così come genitori ed educatori.

Inquadramento storico e copertura finanziaria
Il Free Entry è un servizio avviato dalla locale AUSL-Distretto N° 1 di Carpi, la cui gestione, a partire dall’autunno del 2004, è passata agli Assessorati alle Politiche giovanili dei Comuni di Carpi, Campogalliano, Novi e Soliera, trovando copertura finanziaria nel Piano Sociale di Zona. L’Ufficio Politiche giovanili del Comune di Carpi coordina il servizio.

Impostazione
Il Free Entry ha un’impostazione che prevede:
- tre pomeriggi alla settimana (indicativamente martedì, mercoledì e venerdì), dalle ore 16.00 alle ore 19.00, apertura e conduzione dello spazio di ascolto psicologico, presso un ufficio ad hoc adiacente allo Spazio Giovani Mac’è! in Via E. De Amicis, 59;
- ulteriori interventi nei centri aggregativi giovanili dei comuni dell’Unione delle Terre d’Argine, come di seguito riportato, nei restanti pomeriggi dei giorni feriali:
- Centro Giovani Villa Barbolini (Villa Bi) di Campogalliano in Via E. Mattei, 13/11;
- Spazio Giovani Mac’è! di Carpi in Via E. De Amicis, 59;
- Centro Giovani di Novi di Modena PAC- Polo Artistico Culturale in Viale G. Di Vittorio, 30;
- Spazio Giovani “Il Mulino” di Soliera in Via P. Nenni, 55;
- Spazio Giovani Limidi di Soliera in Via Papotti, 18;
- Spazio Giovani Sozzigalli di Soliera in Via Carpi-Ravarino, 1986.

 

 



Obiettivi
Il Free Entry è uno spazio d'ascolto per confrontarsi e riflettere sulle tematiche e sulle problematiche che riguardano il periodo dell'adolescenza, riconoscendo gli adolescenti stessi come portatori di richieste e bisogni specifici e, nel contempo, soggetti attivi e protagonisti della propria crescita personale. L’azione dello psicologo del Free Entry agisce sul potenziamento degli individui e delle loro reti sociali, con l’intento di contribuire a favorire l’acquisizione di competenze socio-relazionali in grado di aumentare il senso della propria auto-efficacia e autostima.

 



Attività
Il Free Entry è curato da due psicologhe professioniste in possesso del diploma di laurea in psicologia e del diploma di abilitazione alla professione di psicologa e psicoterapeuta.
Nei colloqui con le psicologhe, che si alterneranno nei giorni di apertura, il modello operativo proposto sarà ''l'ascolto attivo'' poiché ascoltare attivamente ragazzi, insegnanti e genitori costruisce una leva strategica per migliorare la qualità dei contesti educativi. Lo psicologo può entrare in contatto con i giovani nella loro informalità. Egli, essendo informalmente partecipe nel gruppo dei ragazzi, riesce a captare le richieste di aiuto indirette e le sofferenze silenti non sempre riconoscibili. L'attività di consulenza contribuisce a chiarire la natura e la profondità dei problemi posti, a ridefinire il problema ed a identificare e potenziare le capacità e le risorse personali. Qualora le problematiche raccolte necessitino di interventi specialistici, sarà cura dell'operatore indirizzare verso i servizi presenti nel territorio e facilitarne l'accesso attraverso un raccordo puntuale e il lavoro di rete. E' infatti fondamentale un'azione di coordinamento e armonizzazione degli interventi esistenti, costruita a partire dal coinvolgimento di diversi tipi e livelli di competenze: enti locali, servizi sanitari, servizi sociali, autorità scolastiche, associazionismo giovanile, culturale, sportivo e con la partecipazione delle famiglie.